Le (in)fallibili previsioni del tempo

tempesta

Il meteo è certamente l’argomento più discusso tra i viaggiatori di tutto il mondo, e non solo! Un po’ perché condiziona le nostre decisioni e le nostre azioni, ma anche la percezione che abbiamo di un posto e i ricordi che ci porteremo dietro. E poi perché non smette mai di stupirci! Se è vero che in bicicletta non possiamo affatto ignorare le condizioni atmosferiche, perché siamo completamente esposti al loro potere (ma è anche questo il bello), spesso ci facciamo influenzare più dalle previsioni del tempo, che non dal tempo stesso. Non fissatevi troppo, perché sono, appunto, previsioni, e quindi non sono infallibili. Non fate l’errore di rinunciare ad una gita in bicicletta, magari programmata da tempo, solo perché è previsto brutto tempo. E se poi quella mattina vi svegliate con il sole? Vi è mai capitato?

 

Previsioni e medie climatiche

Farsi un’idea del clima che possiamo attenderci prima di partire per un viaggio è importante per decidere che abbigliamento preparare e per pianificare meglio le nostre tappe. E’ utile quindi avere a disposizione un archivio storico delle condizioni meteo registrate in un determinato luogo, invece che limitarci alle meno sicure previsioni del tempo.

App di Weather UndergroundTutte queste informazioni le possiamo trovare in diversi siti internet; uno dei miei preferiti è Wunderground (disponibile anche come app sullo store android).

A prima vista può sembrare un po’ complicato; provate però a impostare una località nella barra di ricerca in alto; vi appariranno tutti i dati meteo attuali, la probabilità di precipitazioni, e degli ottimi grafici dell’andamento previsto per i prossimi giorni. Ora cliccate su Historical weather, impostate di nuovo una località ed una data, e accederete all’archivio storico. Usate questi dati per farvi un idea di cosa potete trovare al vostro arrivo, in particolare tenete d’occhio le temperature massime ma anche quelle minime, soprattutto se pensate di dormire in campeggio e dovete decidere quale sacco a pelo portare.

Un servizio simile è offerto anche da WheaterSpark, il quale mostra una pratica mappa con le stazioni meteo disponibili e a lato i grafici di temperatura, precipitazioni ed altro ancora. Anche in questo caso potete scorrere a ritroso nel tempo e controllare lo storico di un certo luogo, confrontando medie stagionali con dati effettivi. Purtroppo, la parte grafica del sito funziona solo se avete il plugin Adobe Flash installato nel vostro browser, quindi non è fruibile dalla maggior parte degli smartphone.Mappa animata dei venti

A proposito di grafica, date un’occhiata anche a questo affascinante sito, soprattutto per sapere se il vento soffierà o meno a vostro favore. Potete zoomare sulla porzione di mappa che vi interessa, e cliccando in basso a sinistra, utilizzando l’interfaccia, potete visualizzare altri dati meteorologici e la previsione per i giorni futuri.

 

Dopo la partenza

Quando siete in viaggio, e magari non avete un accesso costante alla rete per avere informazioni meteo, potete comunque attingere ad altre risorse spesso ignorate. Moltissime informazioni le possiamo ricavare semplicemente guardando il mondo intorno a noi, del resto è quello che i contadini ed i marinai hanno fatto per millenni; la loro sapienza non può essere ignorata!

Avete presente il proverbio “Rosso di sera, bel tempo si spera”? Non è una semplice filastrocca per bambini, ma ha una valenza scientifica! La luce solare è composta dallo spettro della radiazione visibile, cioè da tutti i colori che vanno dal rosso al violetto, i quali combinati insieme formano la luce bianca del giorno. Ma quando il sole è molto basso sull’orizzonte, cioè all’alba o al tramonto, i suoi raggi vengono deviati dagli strati atmosferici in maniera diversa in base alla lunghezza d’onda (cioè il colore); i raggi più deviati sono quelli di un tono rossastro, ma li possiamo vedere solo se in quella direzione il cielo è sgombro dalle nubi. Siccome alle nostre latitudini le perturbazioni viaggiano prevalentemente da Ovest verso Est, un tramonto rosso significa niente nuvoloni all’orizzonte, quindi un probabile cielo sereno per l’indomani.

Anche il detto “Cielo a pecorelle, pioggia a catinelle” ha il suo fondamento: in questo caso sono i cirrocumuli, nuvole molto alte (anche 5000 metri) formate da piccoli cristalli di ghiaccio, che non sono certamente cariche di pioggia, ma preannunciano l’arrivo di un fronte caldo e successiva perturbazione anche con un certo anticipo, fino a 48 ore.

Barometro tascabileLa pressione atmosferica (e la sua variazione) è un ottimo indicatore per prevedere l’evolvere del tempo e delle perturbazioni nel breve periodo. Una zona di alta pressione significa tempo stabile e solitamente sereno, mentre la bassa pressione porta pioggia o annuvolamenti. Se non avete un barometro portatile come quello qui a lato, vi consiglio almeno l’uso di un ciclocomputer con altimetro incorporato. Quest’ultimo infatti misura le piccole variazioni di pressione per indicare l’altitudine, ma se controllate questo valore alla sera e lo confrontate con quello misurato alla mattina seguente avrete un’idea dell’andamento barometrico: la pressione sale se l’altitudine è scesa, oppure scende se invece è cresciuta (gli sbalzi possono essere anche di un centinaio di “metri”).

Ad ogni modo, non preoccupatevi troppo di prevedere il tempo. Cercate piuttosto di essere preparati alle diverse condizioni con un abbigliamento giusto e godetevi la giornata; il meteo è solo un “accessorio” del paesaggio!


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>